Cucina e lifestyleLettura 3 minuti

Mirtilli per il Blue Monday, il giorno più triste dell'anno. Ma è davvero così?

Di blu, per il Blue Monday, vogliamo solo mirtilli!

Mettiamo subito una cosa in chiaro: il cosiddetto “Blue Monday”, il giorno più triste dell’anno che cade il terzo lunedì di gennaio, non è una vera ricorrenza e non si basa su alcun fondamento scientifico. Anzi: pare sia stato inventato a tavolino da uno psicologo inglese di nome Cliff Arnall, che si è basato (a suo dire) su un’equazione matematica che ha tra le sue variabili alcune caratteristiche tipiche del mese di gennaio e più in generale della stagione invernale: le giornate corte, il meteo spesso sfavorevole, la lontananza dalle vacanze estive e, ormai, anche dai festeggiamenti natalizi. Inoltre, sappiamo tutti che il lunedì non è, tra i 7 della settimana, il giorno propriamente più amato.

Fatte queste considerazioni, capiamo bene che affermare con assoluta certezza che uno in particolare possa essere il giorno più triste dell’anno è un vero azzardo: la stessa Università di Cardiff, dove Arnall era docente, prese le distanze dalla curiosa equazione formulata dallo studioso.

Non c’è nulla da preoccuparsi insomma… Ma visto che di Blue Monday oggi ne sentirete parecchio parlare, abbiamo pensato che rovesciare la medaglia e proporre qualche idea divertente, simpatica e allegra fosse un buon modo per combattere il mood che da quasi 15 anni accompagna inevitabilmente questa giornata. Come? Puntando su quello che di blu conosciamo meglio, e non per la tristezza: il nostro mirtillo! Vediamo come.

Blue Monday: feeling blue...berry!

Feeling blue in inglese significa letteralmente “sentirsi blu”, inteso come triste, giù di tono, abbattuto.

Per noi di Sant’Orsola, oggi, feeling blue vuole diventare la chiave di uno stato d’animo all’insegna della spensieratezza e dell’allegria. Come? Nel segno del mirtillo! Per questo abbiamo pensato a 3 ricettine semplici e veloci che hanno il blu dei nostri mirtilli come vero protagonista.

Preparare qualcosa di buono è sempre un ottimo metodo per scacciare il malumore e la pesantezza, soprattutto per cominciare al meglio la giornata. Pronti? Via!

Blue Monday? No, muffin ai mirtilli

Mescola in una ciotola 240 gr di farina, 10 gr di lievito, 1 cucchiaino di vanillina, 150 gr di zucchero e 70 gr di mirtilli. In un’altra ciotola, sbatti con una frusta 2 uova, 65 gr di burro fuso (o di olio di semi) e 180 ml di latte a temperatura ambiente (puoi usare latte intero o scremato, ma anche di soia o di riso). Versa l’impasto nei pirottini già posizionati in una teglia per muffin, quasi fino all’orlo. Prima di infornare, aggiungi 50 gr circa di mirtilli distribuendoli sui diversi muffin. Fai cuocere in forno caldo statico a 190° per circa 20 minuti, ricordando che la prova stecchino è sempre un buon metodo per verificare se i muffin sono pronti prima o dopo il tempo previsto.

Estrai dal forno et voilà: ecco 8 deliziosi antidoti contro la tristezza! 

Blue Monday? No, pancakes ai mirtilli

Mescola in una ciotola 200 gr di farina, 70 gr di zucchero e 1 cucchiaino di lievito. A parte mescola 200 ml di latte con 1 cucchiaio di succo di limone.
In una terza ciotola sbatti 2 uova; aggiungi poi, alternandoli, il composto con la farina e quello con il latte. Aggiungi infine 25 gr di burro tiepido e mescola fino a ottenere un composto liscio e senza grumi. Lascia riposare l’impasto per 30 minuti circa, al temine dei quali potrai aggiungere i mirtilli. Scalda un poco di burro in una padella antiaderente: versa un mestolo di impasto e cuoci fino a che non si formeranno delle bollicine sulla superficie. Gira il pancake e cuocilo bene anche dall’altro lato. Impila i pancakes uno sopra l’altro e decora con i mirtilli e una bella spolverata di zucchero a velo. Se vuoi puoi aggiungere un cucchiaio di crema alla nocciola spalmabile, del miele o dello sciroppo d’acero.

Tristezza? Quale tristezza?

Blue Monday? No, porridge ai mirtilli

Versa 200 ml di latte in un pentolino, aggiungi 220 ml di acqua, un pizzico di sale e 145 gr di fiocchi d’avena, mescolando bene. Accendi il fuoco e cuoci per circa 5 minuti, mescolando di tanto in tanto, fino a ottenere un composto cremoso e molto denso. Spegni la fiamma e versa nel composto 50 gr di sciroppo d’agave. Trita 20 gr di pistacchi e versane la metà nel porridge. Versa tutto in una bella ciotola da portata (o in due ciotoline più piccole, se vuoi realizzare delle monoporzioni) e guarnisci con 30 gr di mirtilli, una bella cucchiaiata di miele, i rimanenti pistacchi e qualche strisciolina di mela.

Un ottimo modo per cominciare la giornata con il sorriso!