Cucina e lifestyleLettura 3 minuti

Frutti di bosco congelati: come conservarli e utilizzarli

Frutti-di-bosco-congelati-come-conservarli-utilizzarli-mangiarli-ricette

Frutti di bosco congelati: tutti i passaggi per conservarli al meglio

More, mirtilli, lamponi e ribes sono una vera prelibatezza, oltre ad essere ricchi di proprietà benefiche per il nostro organismo.

Se non avete intenzione di consumarli freschi subito dopo averli acquistati, se avete paura di averne comprati troppi e che vadano a male o se, semplicemente, volete tenerne qualcuno di scorta per le vostre ricette, niente paura: potete sempre decidere di congelarli. Vediamo come farlo al meglio.

  • Per congelare correttamente i frutti di bosco la prima cosa da fare è lavarli bene, immergendoli in una soluzione con acqua e aceto (3 parti di acqua e 1 parte di aceto) e sciacquandoli subito dopo sotto un moderato flusso di acqua fredda. A questo punto non resta che asciugarli attentamente. Quest’ultimo passaggio è molto importante perché l’acqua presente sulla superficie dei frutti, con le basse temperature del congelatore, potrebbe trasformarsi in ghiaccio e il gusto dei frutti ne risentirebbe. Per assicurarvi di asciugare i piccoli frutti alla perfezione potete impiegare una centrifuga per insalata, facendo attenzione a girarla con estrema lentezza per non rischiare di rovinare e schiacciare i frutti.
  • Riponete ora i singoli frutti su una teglia o su un vassoio, facendo in modo che non si tocchino tra loro. Se i frutti da congelare sono tanti, coprite i frutti con un foglio di carta forno e ripetete l’operazione fino a creare un secondo strato. In alternativa alla carta forno, potete usare anche della carta stagnola. Una volta ultimato l’ultimo strato, riponete la teglia o il vassoio in congelatore per circa due ore. Questa fase detta “flash freezing”, ovvero “congelamento rapido”, è necessaria affinché i frutti si congelino singolarmente e rimangano sufficientemente compatti e solidi.
  • Passate le due ore, potete inserire i frutti in un sacchetto o contenitore per alimenti e riporli nuovamente nel congelatore dove, questa volta, potranno restare fino a quando non deciderete di consumarli. È importante che il contenitore sia dotato di chiusura ermetica così da proteggere i frutti di bosco dall’aria, prevenire le bruciature da freddo ed evitare che si secchino eccessivamente. Ricordate che una volta congelati i frutti di bosco vanno consumati entro un anno: per questo motivo è sempre utile appuntare la data di congelamento sul contenitore, con un’etichetta. Oltre quella data saranno ancora commestibili, ma certamente meno gustosi.

Scongelare i frutti di bosco

Il modo migliore per scongelare correttamente i frutti di bosco è metterli nel frigorifero la notte prima del giorno in cui pensate di consumarli o utilizzarli, oppure farli scongelare in un sacchetto o un contenitore a tenuta stagna dentro una ciotola di acqua fredda.

Nel caso di scongelamento in acqua fredda, procedete così:

  • Rimuovete dai frutti qualsiasi tipo di involucro utilizzato per la conservazione.
  • Mettete i frutti in un colino e posizionate il colino su una ciotola piena d’acqua fredda: i frutti si scongelano fintanto che sono a contatto con l’acqua. Potete controllare il grado di scongelamento premendo leggermente con le dita su uno dei frutti più grandi.
  • Una volta che i frutti sono scongelati, rimuovete l’acqua dalla ciotola e lasciate scolare i frutti nel colino.

I frutti scongelati vanno consumati entro 48 ore.

Frutti-di-bosco-congelati-come-conservarli-utilizzarli-mangiarli-ricette

Come utilizzare e gustare i frutti di bosco congelati

Come tutta la frutta, anche i frutti di bosco contengono molta acqua. Per questo, una volta scongelati, possono diventare mollicci e perdere la loro consistenza caratteristica. Il nostro consiglio, nel caso decideste di scongelarli completamente, è quello di utilizzarli caldi, per esempio per preparare salse, topping, composte e marmellate, oppure mescolati ad altri ingredienti, come il latte e lo yogurt per la preparazione di smoothie e frullati.

Se volete consumarli al naturale, quindi interi, meglio lasciarli parzialmente congelati: saranno comunque buonissimi e rinfrescanti. Inoltre, i frutti di bosco congelati sono ottimi come guarnizione per ricette fresche da conservare in congelatore o frigorifero, come le torte gelato o le torte yogurt.

Un’idea simpatica e divertente, perfetta invece per preparare cocktail e bevande fresche aromatizzate, è quella di congelare i frutti di bosco direttamente negli stampi per i cubetti di ghiaccio, ricoprendoli di acqua. Daranno colore, sapore e una nota di originalità!