FamigliaLettura 3 minuti

Il Mirtillo Residuo Zero*: il tipo giusto da portare in famiglia

Mirtillo-Residuo-Zero-Sant'Orsola-bambini-merenda-divertimento

Un piccolo gigante buono, davvero per tutti i gusti

Il Mirtillo Residuo Zero* di Sant’Orsola non è un mirtillo come tutti gli altri. Oltre ad essere un prodotto certificato e un vero e proprio amico dell’ambiente (al momento della raccolta, infatti, non presenta alcuna traccia rilevabile di trattamenti fitosanitari), anche il suo aspetto è quello di un tipo che si fa notare: tondo e invitante nella sua bella buccia blu, col mantello di pruina (se non sai cos’è, ti consigliamo di leggere questo articolo) e la polpa dolce, di colore verde chiaro, che si lascia scoprire con piacere morso dopo morso.

In famiglia, ne siamo certi, saprà accontentare i gusti di tutti facendovi riscoprire il gusto (e il divertimento!) grande nascosto nelle piccolo cose… Che diciamolo, sono quelle davvero buone e autenticamente speciali!

Mirtillo-Residuo-Zero-Sant'Orsola-bambini-merenda-divertimento

A mangiare bene si comincia da piccoli

Per questo abbiamo scelto di consigliarvi 3 merende sane e deliziose e di proporvi 2 giochi a tema Mirtillo Residuo Zero*. Le prime, semplici e divertenti da preparare, saranno perfette per offrire ai bambini una chance in più per mettere “le mani in pasta” in cucina, diventando veri artefici e protagonisti di un momento della giornata goloso e sempre tanto atteso. I mirtilli a Residuo Zero*, inoltre, grazie al loro sapore dolce, alla consistenza croccante e alle dimensioni notevoli, sapranno resistere bene alle attività manipolatorie dei bambini invitando all’assaggio e alla sperimentazione anche i più scettici nei confronti della frutta!

I giochi, invece, saranno lo spunto ideale per sensibilizzare anche i più piccoli sulla sostenibilità ambientale e sull’importanza di mantenere una corretta alimentazione e uno stile di vita sano. 

Mirtillo-Residuo-Zero-Sant'Orsola-bambini-merenda-divertimento

3 merende e spuntini... a Residuo Zero*!

Spiedini di mirtilli

Sciacquate i mirtilli sotto l’acqua corrente (vi ricordiamo infatti che, pur non presentando alcun residuo di eventuali trattamenti, lavarli è sempre consigliato per buona norma igienica: i mirtilli sono stati maneggiati e trasportati prima di arrivare fino a voi!) e asciugali bene. Infilzateli in uno stecco biodegradabile alternandoli agli altri ingredienti, che potrete scegliere di volta in volta a seconda che vogliate dare un tocco dolce o salato al vostro spiedino.
Idee per uno spiedino dolce: cubetti di melone e anguria, acini d’uva, mezzi spicchi d’arancia, pezzetti di pane integrale caramellati col miele, altri piccoli frutti (come lamponi e more).
Idee per uno spiedino salato: cubetti di formaggio grana grigliato, mozzarella, foglie di basilico, sfilacci di pollo alla griglia con erbe aromatiche.

Ghiaccioli ai mirtilli senza zucchero

Fate bollire l’acqua e aggiungete 40 gr di sciroppo di riso e 30 gr di dolcificante alla stevia. Fate sobbollire per 2-3 minuti (senza mescolare!) finché non si sarà formato uno sciroppo caldo di colore ambrato, al quale potrete aggiungere la scorza grattugiata di un limone. Tagliate a pezzetti 50 gr circa di mirtilli e frullatene 200 gr con il succo di un limone. Unite lo sciroppo e continuate a frullare. Inserite ora nello stampo per ghiaccioli i mirtilli tagliati a pezzetti e il composto così ottenuto. Non dimenticate lo stecco: potete usarne uno biodegradabile o optare per un bastoncino grezzo di liquirizia. Mettete in freezer per 8 ore circa e… buona merenda!

Mirtilli “split”

Rivestite il fondo di una ciotolina monoporzione con i mirtilli. Aggiungete una pallina di gelato al gusto fiordilatte (per una versione più leggera potete anche optare per una bella porzione di yogurt bianco). Sciogliete 20 gr di cioccolato fondente a bagnomaria aggiungendo pochi ml di panna o latte. Versate il topping così ottenuto sul gelato e guarnitelo con granella di nocciole e una spolverata di cocco grattugiato.

Il Mirtillo Residuo Zero*, coltivato all'insegna della sostenibilità

Da sempre noi di Sant’Orsola portiamo innovazione in campagna e lavoriamo con i nostri produttori per creare le condizioni ottimali alla crescita dei piccoli frutti: limitando il più possibile l’uso di trattamenti, favorendo le tecniche di Produzione Integrata (come gli insetti utili), potenziando le attività di Ricerca e Sviluppo.

È la tenacia nel credere e lavorare con entusiasmo a una produzione sempre più sostenibile ad averci premiati con questa importante certificazione, che abbiamo ottenuto nei campi dei nostri coltivatori in Sicilia e Calabria. Il Mirtillo Residuo Zero*, infatti, è un prodotto che al momento della raccolta non presenta residui di fitofarmaci rilevabili dagli strumenti analitici (<0,01 mg/Kg). Significa che i trattamenti a basso impatto ambientale che usiamo solo ed esclusivamente a scopo protettivo per tutelare la salute delle piante si degradano naturalmente senza lasciare alcuna traccia rilevabile sul frutto.

Il Mirtillo Residuo Zero*inoltre, viene attualmente coltivato con la tecnica del fuori suolo, che permette di ridurre il rischio di malattie della pianta, di limitare i trattamenti necessari a proteggerla e di garantire un consumo di acqua inferiore fino al 30% rispetto alle colture tradizionali. 

Mirtillo-Residuo-Zero-Sant'Orsola-benessere-superfood-salute

Il Mirtillo Residuo Zero*, una novità esclusiva Sant'Orsola

Vuoi saperne di più sul nostro Mirtillo Residuo Zero*? Trovi tutte le info che cerchi nella pagina che gli abbiamo dedicato sul nostro sito web.

Vieni a conoscere il Mirtillo Residuo Zero*

*CSQA DTP 021 – CERT.N.57433 Residui di fitofarmaci di sintesi chimica inferiori al limite di misurabilità (<0,01 mg/Kg)