Cucina e lifestyleLettura 6 minuti

Zero Spreco Tips: fragole ammaccate o troppo mature? Ecco cosa puoi farci

Fragole-ammaccate-rovinate-troppo-mature-non-sprecarle-come-usarle-tips-zero-spreco-santorsola

Zero Spreco Tips Sant'Orsola: tanti consigli per conservare al meglio i frutti di bosco ed evitare gli sprechi in cucina (e non solo!)

Quante volte vi è capitato di buttare una fragola perché leggermente ammaccata? O di dimenticare una confezione di frutti di bosco in frigo? O di lavarne troppi rispetto a quelli che volevate mangiare, magari lasciandoli a mollo nell’acqua per troppo tempo?

È proprio da qui che vogliamo partire per lanciare questa rubrica speciale, alla quale teniamo molto. Obiettivo? ZERO SPRECO! Come? Con tanti consigli utili e pratici per conservare bene i vostri piccoli frutti, consumarli nel modo migliore nelle diverse fasi di maturazione ed evitare il più possibile gli sprechi… Anche quando la situazione vi sembrerà (quasi!) disperata.

Cominciamo con un pezzo forte di questa stagione: la fragola.

Fragole ammaccate o troppo mature? Cuocile!

Le fragole ammaccate o rimaste troppo a lungo in frigorifero possono diventare l’ingrediente principale di tante ricette deliziose. Oltre ad essere utilizzate, tagliate in pezzi, in una grande varietà di dolci (dai muffin alle torte soffici, dai budini alle crostate), noi vi consigliamo di cuocerle per preparare:

  • Una marmellata
    Una soluzione che non ha bisogno di presentazioni!
    Basta lavare bene 500 g di fragole, privarle del picciolo e cuocerle in pentola con 140 g di zucchero e 50 g di succo di limone. Lasciatele macerare per 10 ore circa. Fate bollire il composto per 40 minuti circa e versate il tutto, ancora caldo, nei barattoli precedentemente sanificati, avvitandoli bene col tappo. La confettura si conserva per circa 3 mesi, e noi vi consigliamo di aprirla dopo almeno 3 settimane dalla preparazione, avendo cura di consumarla entro 3-4 giorni.
  • Una salsa agrodolce per abbinamenti salati
    Ottima in abbinamenti sfiziosi, si sposa alla perfezione con carne e formaggi.
    Fate cuocere 150 g di fragole con un cucchiaio di miele, un cucchiaio di olio, un pizzico di sale e 2 cucchiai di aceto balsamico. Frullate il tutto e usatela per guarnire. Se preferite, potete anche frullare gli ingredienti a freddo e conservare la salsa in frigorifero.
  • Una salsa per abbinamenti dolci
    Perfetta, per esempio, su una bella pila di pancakes!
    Per prepararla basta frullare col minipimer 6 fragole, un cucchiaino di zucchero e una spruzzata di succo di limone dopo averli cotti per alcuni minuti in una pentola a fuoco basso.
  • Risotto
    Potete preparare un piatto diverso dal solito aggiungendo le fragole a pezzetti, schiacciate o frullate a metà cottura di un buon risotto al vino bianco.

Fragole ammaccate o troppo mature? Frullale!

Potete dare nuova vita alle fragole, anche le più ammaccate e rovinate, grazie a frullatore e minipimer! Ecco cosa potreste preparare per evitare sprechi:

  • Frullati e frappè
    Bastano latte (vaccino o vegetale, come quello di riso, di soia o di mandorle), qualche cubetto di ghiaccio, fragole… et voilà, il frullato è servito! Se volete aggiungere una nota di dolcezza, vi consigliamo di frullare con gli altri ingredienti anche un cucchiaino di zucchero di canna.
  • Smoothie e Smoothie bowl
    Gli smoothie sono perfetti per una colazione o una merenda all’insegna del benessere e della freschezza; le smoothie bowl permettono di scatenare palato e fantasia nella creazione di tanti abbinamenti diversi, e si gustano al cucchiaio invece di essere bevute. La base per prepararli rimane la stessa: 125 g di fragole (anche le più mature!), 1 cucchiano di miele, 1 banana, 170 g di yogurt greco (in alternativa potete usarne anche uno vegetale).
  • Gelato e gelatini mono-porzione
    Qui trovate la ricetta di un ottimo gelato alla fragola che si prepara anche senza gelatiera, qui quella di deliziosi gelatini di frozen yogurt da mordere (la ricetta è stata realizzata con i mirtilli, ma questi si possono benissimo sostituire anche con le fragole, mantenendo inalterato il procedimento).
  • Granite
    Preparate uno sciroppo portando ad ebollizione in un pentolino 200 g di acqua e 150 g di zucchero. Frullate lo sciroppo, una volta raffreddato, con 500 g di fragole e il succo di mezzo limone. Mettete il tutto in un contenitore e congelate. Dopo un’ora, mescolate la granita con una frusta e rimettetela in congelatore. Ripetete l’operazione altre due volte a distanza di un’ora. Eviterete la formazione di cristalli di ghiaccio e otterrete un’ottima granita, che si conserverà in freezer per diversi mesi!

Fragole ammaccate o troppo mature? Congelale!

Intervenire per tempo e congelare le fragole è un’ottima idea per evitare che vadano sprecate e che siano gettate via. Ecco come potete procedere:

  • Congelatele
    In questo articolo del nostro blog Berryness vi spieghiamo tutti i diversi metodi per congelare fragole e frutti di bosco in modo corretto.
  • Congelatele in pezzi all’interno di alcuni cubetti di ghiaccio
    Un’idea simpatica e divertente, perfetta invece per preparare cocktail e bevande fresche aromatizzate, è quella di congelare i frutti di bosco direttamente negli stampi per i cubetti di ghiaccio, ricoprendoli di acqua. Daranno colore, sapore e una nota di originalità!
  • Preparate dei ghiaccioli fai-da-te
    Lavate e asciugate bene 500 g circa di fragole, tagliatele grossolanamente e frullatele con il succo di un limone e con 150 g di zucchero, fino ad ottenere una crema omogenea. Riempite gli stampini da ghiaccioli, inserite lo stecco e metteteli in freezer per almeno 3 ore. Noi vi consigliamo inoltre di tenere qualche fragola, tagliarla a pezzetti e inserirla sul fondo degli stampini… Darà ancora più sapore e colore a questa deliziosa merenda, perfetta per tutta la famiglia.

Fragole ammaccate o troppo mature? Maschere di bellezza

Le potenzialità delle fragole non si esauriscono in cucina! Puoi usare quelle più mature e rovinate anche per realizzare:

  • Una maschera di bellezza
    Frullate un vasetto di yogurt bianco con due manciate di fragole. Aggiungete due cucchiaini di miele, il succo di tre fette di limone, un cucchiaio di zucchero di canna e continuate a frullare. Spalmate la maschera sul viso con piccoli movimenti circolari, evitando il contorno occhi, e lasciatela riposare per circa 15 minuti. Sciacquatela con un un po’ di acqua tiepida, aiutandovi con un dischetto di cotone o con un asciugamano umido. Lo zucchero donerà alla maschera un effetto esfoliante, mentre lo yogurt e il miele contribuiranno a dare nutrimento alla pelle. E se ne avanza un po’, beh… potete sempre gustarvela!

Fragole ammaccate o troppo mature? Conservale secche o disidratate

Ci sono diversi modi per essiccare le fragole e conservare a lungo la loro bontà, evitando che vengano sprecate. Eccone alcuni:

  • Con l’essiccatore
    Tagliate le fragole in 4-5 parti e mettetele nei cassetti dell’essiccatore per circa 6 ore, a 50 gradi.
  • In forno
    Tagliate le fragole a fettine e adagiatele su un foglio di carta da forno, su una teglia d’acciaio. Mettetele in forno pre-riscaldato, meglio se ventilato, a 60° per 20 o 30 minuti.

Cosa otterrete in questo modo? Delle deliziose chips di fragola! Le chips, se conservate correttamente in contenitori ermetici di vetro, possono durare fino a 6 mesi. Potete gustarle così oppure usarle per arricchire uno yogurt, o una bella tazza di muesli con frutta fresca e cereali. Le chips sono perfette, se sbriciolate, anche per realizzare ottimi infusi, decotti e tisane. In questo articolo trovate alcuni spunti.

Fragole ammaccate o troppo mature? Bevile!

Le fragole che avete dimenticato vi sembrano ormai inutilizzabili? Forse non avete ancora provato a… berle! Usatele per preparare:

  • Infusi
  • Acqua aromatizzata
  • Kombutcha
  • Sciroppi
  • Succhi di frutta
  • Cetrifughe ed estratti

A proposito di estratti: forse non sapete che anche agli scarti delle vostre centrifughe potete dare una nuova vita! Come? Preparando per esempio:

  • Una ciambella semplice per la colazione 
    In una terrina abbastanza capiente, montate 3 uova con 150 g di zucchero. Aggiungete prima tutti gli ingredienti liquidi (130 g di olio e 100 ml di acqua) e poi tutti gli ingredienti solidi (300 g di farina di riso setacciata, 1 bustina di lievito o 1 cucchiaino di bicarbonato, 150 g di scarti di centrifuga). Mescolate fino a ottenere un composto omogeneo. Informate a a 180 °C per 25 minuti circa. Ecco pronta la vostra ciambella! Gli scarti si possono usare anche per preparare ghiaccioli, muffin e sciroppi.

Fragole: come conservarle al meglio

I consigli che vi abbiamo dato in questo articolo sono perfetti per salvare le vostre fragole in extremis… La cosa migliore, però, sarebbe sempre cercare di conservarle bene per evitare che si rovinino, così da preservare al meglio la loro bontà, il loro aspetto e le loro proprietà.

Ricordatevi sempre di:

  • Conservarle in frigorifero;
  • Lavarle solo prima di consumarle;
  • Evitare di rimetterle in frigorifero dopo averle lavate;
  • Trasferirle in un contenitore di vetro;
  • Non togliere il picciolo e le foglie alle fragole prima di conservarle, ma solo prima di consumarle: così manterranno meglio la loro freschezza e i loro valori nutrizionali.

E infine: ricordate che spesso una piccola ammaccatura non significa che il frutto non sia buono. Controllatelo sempre bene e non abbiate fretta di gettarlo via!

Leggi gli altri articoli della nostra rubrica Zero Spreco: