FamigliaLettura 3 minuti

Bambini, oggi frutti di bosco a merenda!

Bambini-frutti-di-bosco-Sant'Orsola

Come far mangiare la frutta ai bambini? I frutti di bosco vengono in vostro soccorso.

“Bleah, non mi piace la frutta”

“Ti lascio guardare un cartone animato se ne mangi un po’…”

Mamme e papà all’ascolto, quante volte ve lo siete sentito dire dai vostri figli? Quante volte avete dovuto letteralmente combattere o giungere a compromessi pur di far mangiare un po’ di frutta ai vostri bambini?

Le difficoltà che si incontrano nel momento del pasto con dei bambini sono tante, e certamente il cibo salutare non è in cima alla lista delle cose che mangerebbero per prime. La concorrenza con snack, patatine e merendine di ogni specie è agguerrita e far capire ai più piccoli quanto frutta e verdura siano importanti per la loro salute e per uno stile di vita sano ed equilibrato non è di certo facile.

Per questo noi di Sant’Orsola veniamo in vostro aiuto. I nostri frutti di bosco, infatti, sono dei preziosissimi aiutanti in questa battaglia. Con un po’ di fantasia, infatti, possono trasformare una merenda noiosa in una fantastica avventura. Come? Diventando gli occhietti blu di deliziosi uccellini di pancakes, i fanali rossi come fragole di un taxi di frutta, le piume arruffate di gufetti di porridge.

Partiamo dall'inizio

E’ importante che fin da piccoli possano gustare i veri sapori del mirtillo, della fragola, dei lamponi come di qualsiasi altra frutta, in modo assoluto, ovvero senza alcuna aggiunta che possa mascherare il reale gusto dell’alimento. L’aggiunta di zuccheri o dolcificanti copre il sapore della frutta e non permette al bambino di “sentire” davvero ciò che sta mangiando e di capire se effettivamente gli piace o meno.

Se abituiamo i nostri figli a mangiare in questo modo, è probabile che quando scopriranno il sapore degli alimenti in purezza faranno più fatica ad apprezzarli.

Se invece utilizziamo pochi condimenti e presentiamo i cibi, compresa la frutta, in modo più giocoso, saranno sicuramente più propensi all’assaggio, e il loro palato piano piano si abituerà sia ai cibi frullati che a quelli semplicemente cotti.

Un altro errore che sarebbe meglio evitare è quello di ricattare i bambini o punirli per non aver mangiato la frutta. In questo modo, infatti, un piccolo traguardo ottenuto con sforzo a lungo andare potrebbe risultare deleterio: è difficile apprezzare per davvero qualcosa che deriva da un’imposizione e viene quindi percepita come un obbligo.

Bambini-frutti-di-bosco-fragole-Sant'Orsola

Alcuni suggerimenti

  • Un consiglio che possiamo dare è quello di avvicinare gradualmente i vostri bambini al sapore della frutta e della verdura attraverso la conoscenza. L’ideale è far conoscere ai piccoli cosa stanno mangiando grazie racconti brevi o piccole avventure. Potete partire dalla realtà (la stagionalità, il tipo di pianta su cui crescono i frutti, il modo in cui vengono coltivati) e condirla con un po’ di fantasia, trovando le leve giuste per catturare l’attenzione dei vostri bambini. Sul nostro sito, per esempio, trovate tante curiosità sul mondo dei piccoli frutti che possono darvi la giusta ispirazione.
  • Per i frutti di bosco, ad esempio, può essere un valido aiuto colorare il disegno di un lampone, di una fragola, di un mirtillo o di una ciliegia che sorridono con gli occhi felici.
  • È sicuramente una buona idea coinvolgere il più possibile i vostri figli durante le varie fasi dall’acquisto: dalla lista della spesa alla scelta vera e propria al supermercato o dal fruttivendolo, fino alla preparazione vera e propria di una ricetta o di una merenda gustosa. Saranno certamente più propensi all’assaggio se avranno partecipato a parte del viaggio che la frutta ha fatto per arrivare nel loro piatto.

Infine, per ogni buona ricetta che si rispetti (anche la più semplice) è fondamentale la presentazione. Immaginate di trovarvi davanti a un piatto con la frutta semplicemente tagliata a pezzetti e in semplicità, rispetto alla rappresentazione di un quadro con dei piccoli animaletti dall’aspetto buffo e divertente, con gli occhi felici a forma di mirtillo, una bocca piccola come un ribes e una folta pelliccia di more: la reazione sarà sicuramente diversa e l’assaggio garantito!

Cominciate dalla merenda, che è il momento più allegro della giornata, e poco a poco vedrete che con questi piccoli trucchi saranno entusiasti di mangiare i frutti di bosco, e il resto della frutta e della verdura, in ogni momento della giornata!