Cucina e lifestyleLettura 4 minuti

Zero Spreco Tips: mirtilli dimenticati e ormai poco croccanti? Ecco alcuni usi alternativi

Consigli-antispreco-Zero-Spreco-Tips-Sant'Orsola-mirtilli-mirtillo

Con i mirtilli non è (quasi) mai troppo tardi! 3 consigli per non buttare via i mirtilli che vi siete dimenticati in frigorifero

Quante volte vi è capitato di dimenticare i mirtilli in frigorifero? Intanto vogliamo rassicurarvi: non siete certo gli unici e per fortuna queste delizie sono tra i piccoli frutti che tendono a durare di più. Dopo alcuni giorni, a differenza per esempio di lamponi e more che deperiscono più in fretta, potreste trovarli ancora buoni e sufficientemente croccanti.

Per quelle volte in cui, invece, i vostri mirtilli dovessero perdere quasi del tutto la loro caratteristica croccantezza (ma non fossero ancora andati a male!) noi di Sant’Orsola abbiamo pensato a 3 consigli e usi alternativi che vi consentiranno di non buttarli e di evitare sprechi. Scoprirete con piacere che il mirtillo è un frutto davvero molto versatile… e non solo in cucina! Ecco i tips che andremo a spiegarvi nel dettaglio:

  • Come realizzare una tintura naturale per tessuti con i mirtilli
  • Come regalarvi un momento di relax con una maschera di bellezza a base di mirtilli
  • Come preparare un dolce con gli scarti di una centrifuga ai mirtilli

Questi consigli sono naturalmente validi anche per i mirtilli freschi, non solo per quelli dimenticati.

Prima di iniziare, però, ci teniamo a darvi alcuni suggerimenti per conservare sempre al meglio i mirtilli ed evitare che vengano sprecati, dimenticati o peggio ancora buttati. 

Consigli-antispreco-Zero-Spreco-Tips-Sant'Orsola-mirtilli-mirtillo

Come conservare al meglio i mirtilli per evitare sprechi

  • Conservateli sempre in frigorifero e, dopo l’acquisto, cercate di trasportarli in una borsa termica per far sì che non subiscano sbalzi bruschi di temperatura, che ne accelererebbero il deperimento.
  • Mettete i mirtilli, una volta in frigo, in una posizione ben visibile: non rischierete di dimenticarli e di ritrovarli, dopo tanto tempo, ormai irrecuperabili.
  • Verificate che nel punto vendita in cui li acquistate siano conservati correttamente: in frigorifero o nel banco frigo.
  • Lavateli solo prima di consumarli e asciugateli con cura e delicatezza se dovete usarli come ingrediente in una ricetta. Non rimetteteli mai in frigo una volta lavati!
  • Ricordate che i mirtilli, come tutti i piccoli frutti, deperiscono in fretta. Gustateli il il prima possibile dopo averli acquistati, ed evitate di fare grandi scorte… A meno che non siate dei veri consumatori seriali!
Consigli-antispreco-Zero-Spreco-Tips-Sant'Orsola-mirtilli-mirtillo

Mirtilli dimenticati e poco croccanti? Preparate una tintura naturale per tessuti

Un modo davvero originale per non sprecare del tutto i mirtilli dimenticati è quello di preparare una tintura naturale per tessuti. Perfetta soprattutto se si tratta di dare nuova vita a quei capi di biancheria che stanno ingrigendo o perdendo brillantezza. Ecco come fare:

  • Lasciate macerare 250 g circa di mirtilli in acqua tiepida per alcuni giorni, poi bolliteli
  • Filtrate bene e immergete il tessuto nell’acqua così colorata per circa un ora: otterrete così un bel color malva
  • Se volete un colore più tendente al grigio, dovrete lasciare il tessuto così tinto in ammollo in 1 litro di acqua fredda con 15 dl di aceto e 5/6 chiodi in acciaio
  • Per una tinta più azzurrina, invece, mettete il tessuto color malva in acqua e bicarbonato di sodio

I tessuti migliori per le tinture naturali? Lino, lana, seta e cotone di colore bianco.

Qui trovate tante altre informazioni per ottenere una tintura perfetta, scegliere e preparare i capi migliori da tingere e scoprire tutte le precauzioni necessarie.

Consigli-antispreco-Zero-Spreco-Tips-Sant'Orsola-mirtilli-mirtillo

Mirtilli dimenticati e poco croccanti? Regalatevi una maschera di bellezza fai da te

Preparare una maschera rinfrescante, lenitiva e decongestionante e regalarvi un momento di vero relax è davvero semplice e… a spreco zero!

Vi basterà frullare insieme qualche mirtillo (anche quelli più morbidi!) insieme a qualche cucchino di ricotta fresca e a mezza tazzina di latte. La maschera va stesa sul viso struccato, bel lavato e asciutto e lasciata in posa per circa 10/15 minuti, al temine dei quali vi basterà sciacquarla con acqua tiepida.

Il bello è che quel che avanza potete gustarlo nell’attesa: così in semplicità, a cucchiaiate, oppure spalmato su una bella fetta di pane tostato.  Insomma: non si butta proprio niente!

Consigli-antispreco-Zero-Spreco-Tips-Sant'Orsola-mirtilli-mirtillo

Mirtilli dimenticati e poco croccanti? Preparate una centrifuga e usate gli scarti per un dolce zero spreco

La frutta troppo matura, compresi i mirtilli, si presta benissimo per un bel centrifugato. Ma anche gli scarti della centrifuga, a loro volta, possono essere riutilizzati evitando sprechi. Quella che vi indichiamo qui sotto è la ricetta di una torta semplice alla quale potrete aggiungere come ingrediente speciale lo scarto delle vostre centrifughe, naturalmente con un’avvertenza: a seconda dello scarto che inserirete, l’aroma e il sapore risulteranno differenti. Con i mirtilli e la frutta, in ogni caso, è difficile sbagliare e il risultato sarà sempre delizioso.

Ingredienti

  • 300 g di farina
  • 120 g di zucchero
  • 120 ml di olio di semi
  • 200 g di polpa di scarto del centrifugato
  • 1 bustina di lievito
  • 3 uova

Procedimento

  • Montate le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso
  • Aggiungete l’olio e gli scarti amalgamando bene il composto
  • Unite la farina e il lievito, meglio se ben setacciati, e versate il tutto in uno stampo foderato di carta forno
  • Cuocere a 180° per 20 minuti circa (vale sempre la prova stecchino per essere certi che la cottura sia ottimale)
  • Ultimate con una bella spolverata di zucchero a velo

Zero Spreco Tips Sant'Orsola: tanti consigli per conservare al meglio i frutti di bosco ed evitare gli sprechi in cucina (e non solo!)

Quante volte vi è capitato di buttare una fragola perché leggermente ammaccata? O di dimenticare una confezione di frutti di bosco in frigo? O di lavarne troppi rispetto a quelli che volevate mangiare, magari lasciandoli a mollo nell’acqua per troppo tempo?

È proprio da qui che siamo partiti quando abbiamo lanciato questa rubrica speciale, alla quale teniamo molto. Obiettivo? ZERO SPRECO! Come? Con tanti consigli utili e pratici per conservare bene i vostri piccoli frutti, consumarli nel modo migliore nelle diverse fasi di maturazione ed evitare il più possibile gli sprechi… Anche quando la situazione vi sembrerà (quasi!) disperata.

Leggi gli altri articoli della nostra rubrica Zero Spreco: